CETACEI: REGOLE DI CONDOTTA!

 

Finalmente è arrivata l’estate, e con lei le condizioni ottimali per godersi il mare in tutte le sue svariate forme.

Durante le gite in barca non è raro imbattersi in situazioni emozionanti come l’avvistamento di animali marini…e tra questi, i grandi mammiferi, sono sicuramente le specie che più catturano la nostra attenzione!

Quale bimbo (ma anche adulto) non rimane esterrefatto dal salto di un delfino o dalla coda di una balenottera?

 

Nel Mar Mediterraneo sono abitualmente presenti 8 specie di cetacei (vedi immagine); la specie di delfinide più diffusa è la stenella striata (Stenella coeruleoalba),riconoscibile per le strie chiare sul corpo e per le dimensioni piuttosto contenute. Piuttosto diffuso, specialmente nel Nord Adriatico, è il tursiope (Tursiops truncatus), che essendo molto vulnerabile sta rapidamente diminuendo.

E’ facile sorprendere questi due delfini mentre si destreggiano tra allegri salti, spruzzi d’acqua e caratteristiche ‘acrobazie’.

 

FONTE: keeptheplanet.org

 

Nonostante si tratti di specie protette, le minacce sono molteplici: riduzione delle loro prede a causa di pesca eccessiva, depauperamento del loro habitat per inquinamento e cambiamento del clima, catture accidentali in attrezzi da pesca e crescente traffico nautico specialmente estivo.

 

Per la conservazione di questi animali sono fondamentali leggi e codici di condotta volontari. Perciò ecco di seguito come comportarsi per rispettare questi magnifici abitanti del mare e avere anche un maggior successo in avvistamenti e spettacoli unici da loro offerti.

1 – Avvicinati agli animali lentamente approcciandoli lateralmente, mai di fronte o posteriormente. Sono da evitare repentini cambi di velocità e di direzione con la vostra imbarcazione.

 

2 – Seguili parallelamente mantenendo il motore in folle mentre sono in immersione ed evitando di avvicinarli impulsivamente quando riemergono. Spegni eco-scandagli e fishfinder in presenza degli animali per non interferire con la loro eco-localizzazione.

 

3 – Non avvicinarti più di 100 metri e lascia che siano loro eventualmente ad approcciarti. Se ci sono altre barche attorno, aumenta la distanza dal gruppo. I delfini hanno bisogno di privacy proprio come noi, e se non siamo ben accetti esibiranno il loro dissenso con comportamenti chiari quali colpi di coda sulla superficie, cambiamenti di direzione ed immersioni prolungate.

 

4 – Non sostare oltre i 30 minuti (15min se in presenza di altre imbarcazioni) con loro, e non separare mai degli animali dal gruppo.

 

5 – Se sono loro ad avvicinarsi, nontentare di toccarli in alcun modo, nongettare loro cibo e NON ENTRARE IN ACQUA. I delfini selvatici possono essere molto pericolosi, specie in presenza di cuccioli!

Share this post